Crispbread

Ingredienti


140 gr di farina di segale integrale (+ altra per impastare)
100 gr di farina di farro integrale
110 ml di acqua tiepida
1 cucchiaino di sale fino
60 ml di kefir* (vedi indicazioni sopra)
2 cucchiai di semi di lino
1 cucchiaio di semi di finocchio, Melandri Gaudenzio – I semi del Benessere
1 cucchiaio di semi di cumino
1 cucchiaio di sale grosso

Portata

Pane, pizza e focacce

Preparato con

Preparazione

In una ciotola versare l’acqua tiepida, il sale fino e il kefir e lasciar riposare per qualche minuto. Separatamente setacciare le farine e aggiungere gradualmente i liquidi. Impastare per qualche minuto aggiungendo ulteriore farina se il composto dovesse risultare troppo appiccicoso. Dividere l’impasto in piccole palline (tipo quelle da ping pong) e lasciarle riposare per circa 20 minuti coperte da un panno umido o con pellicola trasparente. Pestare in un mortaio il sale grosso, i semi di cumino, di lino e di finocchio. Cospargere il trito su ciascuna pallina e stenderla con un mattarello fino a formare uno strato molto sottile, di circa 1 mm (io ho aggiunto ulteriori semini in superficie anche dopo aver steso l’impasto). Se volete ottenere dei crackers dalle dimensioni tutte uguali, potete aiutarvi con un coppapasta. Posizionare i crispbread su una griglia ricoperta con carta forno o silpat, e cuocere in forno già caldo a 200° per circa 8-10 minuti, controllando di tanto in tanto per evitare di bruciarli. Lasciar raffreddare su una gratella. Si conservano per parecchio tempo in un contenitore ermetico, ma finiscono praticamente subito!
Condividi:

Acquista i prodotti

Ricetta a cura di

Nomnom q.b.

Creatività, passione, allegria, un pizzico di originalità.

All'anagrafe sono Francesca, per tutti Fran. Le mie passioni sono racchiuse in tre are: viaggiare, fotografare... e ovviamente mangiare. In cucina prediligo l'utilizzo di prodotti bio e a km 0, senza conservanti e coloranti. Cerco di preparare tutto (o quasi) con le mie mani sperimentando nuovi sapori e contaminazioni per riportare in tavola piatti autentici e genuini, belli da presentare, perchè anche l'occhio vuole la sua parte, ma senza perderci troppo tempo. Curo un blog dal nome, quanto basta, ...
Scheda Blogger
Vai al Blog