Perché i cereali d'estate? Dati, dritte e consigli!

Perché i cereali d'estate? Dati, dritte e consigli!
Buoni, nutrienti, facilmente assimilabili dall’organismo oltre che ben digeribili, i cereali si prestano ad essere preparati in numerose ricette, comprese quelle per dolci.
Sono un alimento perfetto per ogni stagione ed in particolare in estate offrono un apporto nutritivo completo rappresentando, sempre più frequentemente, una valida alternativa ai classici primi piatti.

UNA SCELTA CONDIVISA
Molti italiani, infatti, condividono la scelta di presentare sulle proprie tavole sempre più cereali integrali o decorticati. A confermarlo sono i dati di mercato sulla produzione di cereali nel mondo – “Nel 2016 la produzione di cereali ha raggiunto le 2.569 milioni di tonnellate.” (Fonte: Ricerca FAO) – e sul consumo di cereali – “Complessivamente questi alimenti hanno raggiunto, nell’anno terminante a Maggio 2015, vendite a volume pari a 7.715 tonnellate (in crescita del 23% rispetto al 2014) generando un fatturato di oltre 12 milioni di euro (+34%).” (Fonte: Ricerca Nielsen)

IN CUCINA PUOI DAVVERO SBIZZARRIRTI!

Orzo, farro, sorgo e avena possono essere preparati in insalate, da consumare fredde e arricchite da verdura o frutt. Si possono ottenere preparazioni classiche, dai sapori mediterranei, aggiungendo olive e pomodorini oppure utilizzando un po' di fantasia e ingredienti più particolari come mango o avocado.

Quinoa, miglio e grano saraceno possono diventare secondi piatti sfiziosi: burger, polpettine o crocchette dorate in padella o al forno, molto gradite anche dai bambini. 

I deliziosi alimenti in chicchi sono versatili e se ci sai fare, magari ispirata dalle nostre foodblogger, diventano originali protagonisti di piatti colorati, freschi e sfiziosi, oltre che originali.

Se hai nostalgia delle zuppe di cereali o di cereali e legumi invernali gusta le zuppe anche d'estate! Basterà seguire semplicissimi accorgimenti: servire la zuppa fredda, cottura al dente. Aggiungere, solo prima di servirla, un trito di erbe aromatiche fresche a tua scelta che richiamino appunto l’estate oppure quando la ricetta lo consente una “spruzzata” di agrumi.
Un tocco di classe estivo? Usare il timo al limone con farro, avena o sorgo, sentirai che bontà!  

Sfoglia le nostre ricette: Ricette Melandri Gaudenzio!

CEREALI: QUALCHE DRITTA PER L’ESTATE

Se ami l’efficienza e l’organizzazione in cucina o se hai necessità di programmare qualche pasto in questa stagione estiva, sappi che una volta cotti puoi anche scolarli al dente e tenerli da parte, conservandoli in frigorifero se vuoi usarli fino a 3 giorni oppure a temperatura ambiente e lontano da fonti di calore se vuoi consumarli entro 12 ore. Per una conservazione ottimale meglio condirli con un filo d’olio che funge da conservante. Saranno un’ottima base per i tuoi piatti!

La caratteristica di essere cucinati in anticipo senza grandi stravolgimenti sulla consistenza e sul gusto, rende i cereali un alimento ideale per i pranzi in spiaggia o per i pic-nic che caratterizzano la bella stagione.
Non solo: puoi renderli i deliziosi protagonisti di aperitivi, cene e lunch in casa, terrazzo o giardino con gli amici.

E se quest’estate, come tanti di noi, lavorerai salvo qualche ora di mare o mantagna nel weekend? Portali con te a lavoro per pranzo o cena, ancora meglio se in una borsa termica che ne conservi la freschezza. Come suggerito prima in questo articolo, grazie alle nostre fantastiche e sempre originali foodblogger, sul nostro sito di ricette ne trovi a bizzeffe.

I NOSTRI CEREALI

Commercializziamo da settant’anni numerosi cereali, tra cui i grandi “classici” riso, farro, orzo. Abbiamo pioneristicamente introdotto anche diverse qualità di quinoa, di miglio, di avena, piuttosto che cereali poco noti come il sorgo che, fin da subito, ha riscosso grande interesse da parte dei nostri clienti.

Trovi i nostri prodotti (cereali, legumi, semi oleosi e zuppe) nelle più note catene di supermercato oppure online sul nostro shop l’intera gamma di prodotti, ecco Una selezione dei nostri cereali sotto diversi marchi e per chi desidera praticità senza perdere gusto e nutrienti abbiamo creato la linea I Decorticati.

LA DIVULGAZIONE CHE FA BENE ALLA SALUTE
Il Ministero della Salute promuove da diversi anni stili alimentari sani che riportano la cucina italiana alla nota dieta mediterranea. In diverse pubblicazioni dal 2005 ad oggi, sul sito del Ministero della Salute si può leggere che “un’alimentazione ricca di frutta, verdura e con un adeguato contenuto di cereali e legumi protegge dalla comparsa di diverse patologie, in particolare alcuni tipi di tumori e malattie cardiovascolari ed aiuta a mantenere il peso corporeo nella norma. […]
I cereali “apportano all’organismo carboidrati, che rappresentano la fonte energetica principale dell’organismo, meglio se consumati integrali.” […]
Contengono vitamine del complesso B e minerali, oltre a piccole quantità di proteine. […] Tra le vitamine importanti per il nostro organismo i cereali contengono in particolare “la tiamina e la niacina.”

Se consideri almeno questi principali nutrimenti apportati dai cereali, è facile capire perché i cereali siano da prediligere specialmente in estate, stagione in cui le calorie apportate al nostro organismo è preferibile che provengano da cibi facilmente digeribili.

Integrarli in una dieta equilibrata e ricca di tutti gli alimenti previsti dalla nostra genuina dieta mediterranea, con le giuste proporzioni per ogni alimento, e aumentarne consapevolmente il consumo in estate, stagione durante la quale si prestano molto bene ad essere consumati freddi e conservati (più avanti nell’articolo condividiamo qualche trucchetto per chi già non lo conoscesse), può contribuire significativamente a dare quella marcia in più richiesta dalla stagione calda!

Oltre al Ministero della Salute esistono diversi canali tra cui molti blog di divulgazione, blog di foodblogger e anche noi con il nostro piccolo contributo – Blog Melandri: Cereali – che informano sempre più i consumatori, i quali rispondono positivamente e ciò è dimostrato anche dai dati FAO e Nielsen che abbiamo condiviso.
Condividi: