La scadenza dei legumi secchi

La scadenza dei legumi secchi
La data di scadenza è la data fino alla quale un alimento è idoneo al consumo, se mantenuto nelle corrette condizioni di conservazione.

La data di scadenza è tra le diciture obbligatorie per legge riportate in etichetta su tutti gli alimenti.

Nel caso di alimenti molto deperibili dal punto di vista microbiologico che potrebbero pertanto costituire, dopo un breve periodo, un pericolo immediato per la salute umana, la Data di Scadenza (D.S.) viene espressa come “Da consumarsi entro…..”. Successivamente alla Data di scadenza un alimento è considerato a rischio.

Nel caso di prodotti non deperibili viene indicato in etichetta il Termine Minimo di Conservazione (T.M.C.): la data fino alla quale il prodotto alimentare conserva le sue proprietà in determinate condizioni di conservazione. Si attribuisce agli alimenti la cui eventuale alterazione non costituisce un pericolo per la salute del consumatore.

Questo significa che nel periodo successivo gli alimenti sono ancora commestibili, ma registrano in modo progressivo un lento decadimento nutrizionale e organolettico.

I legumi secchi rientrano in quest’ultima tipologia, in particolare, tale decadimento si può manifestare con l’ingiallimento o cambiamento del colore, la perdita dell’umidità residua, con l’allungamento del tempo di cottura, la compromissione dell’imballo o dell’atmosfera modificata presente.

Tutti i legumi secchi commercializzati dalla Melandri Gaudenzio Srl riportano il T.M.C. di 18 mesi, ma se correttamente mantenuti (riposti in luogo fresco ed asciutto al riparo da fonti di calore e luce) potrebbero essere conservati molto a lungo senza subire modifiche alle caratteristiche igieniche ed organolettiche e variazioni nel gusto.

Condividi: