La cottura in pentola a pressione

La cottura in pentola a pressione
La cottura tradizionale dei legumi secchi necessita, in taluni casi, tempi di cottura lunghi, pazienza ed attenzione e potrebbe disincentivarne il consumo frequente.

La pentola a pressione è uno strumento utile e particolarmente versatile in cucina, che consente di risparmiare tempo e fatica, dimezzando i tempi di cottura e mantenendo intatti sapori e principi nutritivi.

I vantaggi di utilizzarla

- Risparmio di tempo: la pentola a pressione permette di cucinare i legumi in tempi molto più rapidi infatti rispetto alla cottura tradizionale i tempi si dimezzano. Inoltre sfruttando la conservazione del vapore acqueo vi consentirà di cucinare i cibi in minore tempo e utilizzando meno liquidi.
- Perfetta conservazione ed esaltazione dei sapori e dei profumi che rimarranno perfettamente integri grazie alla minore dispersione dei sali minerali contenuti nei legumi.
- Risparmio di gas o energia elettrica: questo strumento è anche amico dell’ambiente in quanto cucinando più velocemente ci consente di utilizzare meno gas o elettricità.

I consigli per utilizzarla

Quantità di acqua
Generalmente per la cottura dei legumi è necessaria almeno il triplo di acqua rispetto al volume dei legumi secchi, con la pentola a pressione potrete utilizzare la metà dell’acqua e raggiungere la temperatura ottimale di cottura in un brevissimo lasso di tempo.

Quantità di legumi
Non esagerare con la quantità dei legumi da cuocere, facendo attenzione a rimanere sempre sotto la tacca indicata all’interno.

Attenzione alla valvola
La “schiuma” tipica che si formerà sulla superfice dell’acqua, infatti, aumentando il volume del liquido, potrebbe ostruire la valvola di esercizio della pentola con il rischio di compromettere la perfetta cottura dei legumi.
Condividi: